Archivi: Giugno 2013

Aumenta l’eco bonus: passa dal 55% al 65%. Agevolazioni fiscali ampliate e prorogate al 31 dicembre.


Via libera agli incentivi per l’edilizia dal Consiglio dei ministri con il decreto legge che recepisce la direttiva comunitaria 2010/31 sul rendimento energetico.  Detrazione 50% per ristrutturazioni edili Scatta la proroga fino al 31 dicembre prossimo dell’agevolazione Irpef: la detrazione resterà al 50 per cento, invece che all’ordinario 36, sulle spese di ristrutturazioni edilizie fino a un ammontare complessivo di 96 mila euro (48 mila era il tetto nel regime ordinario).

Leggi di più

Condominio, dal 18 giugno le nuove regole. Cosa cambia con la riforma



Dopo 70 anni una riforma epocale. Più poteri all’assemblea, più obblighi per l’amministratore e più autonomia per alcune scelte individualiLa vita negli edifici in cui vivono circa 30 milioni di italiani sta per cambiare. Il 18 giugno entra in vigore la riforma del condominio varata con la legge n. 220/2012.

Nuove regole per gli amministratori, le assemblee, la gestione economica e più in generale per ciò che ciascun condomino può o non può fare. Un provvedimento a suo modo “storico” perché arriva a 70 anni dalla principale disciplina della materia contenuta in una ventina di articoli delCodice civile rimasti pressoché invariati dal 1942.

Leggi di più

Come cambiano i contratti di locazione e vendita con il Decreto 63 del 4 giugno 2013.

Le sanzioni per il mancato certificato energetico diventano obbligatorie in tutta Italia. Ma la vera novità sono i consigli per migliorare l’immobile.

E’ dal 1° gennaio 2012 che l’obbligo della certificazione energetica degli edifici in vendita o in affitto è legge anche in Italia, ma il mercato è ancora poco incline a recepirlo e così sembrano anche le associazioni di categoria. All’indomani dell’approvazione del decreto di recepimento della direttiva 2010/31/CE sulla prestazione energetica in edilizia e gli edifici ad energia quasi zero sono spuntati articoli sui quotidiani nazionali che lamentavano il nuovo onere per locatori e venditori, stimando anche un importo totale oscillante tra i 2,5 e i 3 miliardi.

Leggi di più

La Cedolare Secca per gli affitti. E’ stata introdotta a partire dal 2011, la “cedolare secca sugli affitti”. Si tratta di un’imposta che sostituisce quelle attualmente dovute sulle locazioni.

E’ un regime facoltativo e si applica in alternativa a quello ordinario.

La “cedolare secca” è l’imposta che il locatore può pagare se vuole “chiudere il conto” sia con l’Irpef (e le addizionali comunale e regionale) dovuta sui canoni d’affitto incassati sia con le imposte di registro e di bollo da versare quando si registra il contratto di locazione, la sua proroga o la risoluzione.

• registrare il contratto di locazione (così come le proroghe e le risoluzioni) in maniera ordinaria, pagando, cioè, l’imposta di registro e il Bollo, e dichiarare, nel modello 730 o in Unico PF, i canoni di locazione percepiti nell’anno, sommandoli agli altri redditi sul cui totale va calcolata l’Irpef dovuta

Leggi di più